Cerca:

 
   

  Pagina iniziale  

Chi siamo

Articoli

Approfondimenti

Glossario

Links

Contattaci

Mappa del sito

         In gravidanza

         Infanzia

         Sport

         Terza età

         Patologie

         Consigli quotidiani


La corsa di Maratona

Ogni anno, vari pazienti frequentano il mio studio a causa di una sofferenza dovuta agli effetti dell’allenamento per la maratona...

 

I traumi da corsa

I corridori possono subire molti traumi tra i più comuni: Tendine d’Achille, Tendinite rotulea, Shin Splints, Fascite Plantare, Traumi all’Hamstring,...

 

Decalogo del corridore

I. Investire nell’acquisto d’ottime scarpe da corsa. E’ importante assicurarsi che le vostre scarpe vi diano un ottimo ammortizzamento per proteggere...

 


ANTIOSSIDANTI E PROBLEMI OSTEO-ARTICOLARI
I problemi osteo-articolari non hanno solamente un’origine biomeccanica, ossia un conflitto articolare e nel caso di protusioni o peggio di...

 

Radicali liberi
Nel 1956 Denham Barman creò la teoria dei radicali liberi, scorie prodotte dal catabolismo metabolico, secondo la quale con il...

 

Lo straordinario potere dei fitonutrienti
Il ruolo protettivo di frutta e verdura grazie ai loro fitonutrienti nella prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari...

 

 

 

Plantar fasciitis (Fascite plantare)


Definizione:
Infiammazione della fascia plantare, una banda fibrosa e grossa di tessuto nella pianta del piede che corre dal calcagno alla base delle dita. Quando, messa sotto eccessivo stress, la fascia plantare si stira troppo si creano delle lesioni nel tessuto con il risultato di una infiammazione della fascia e dei tessuti intorno. Gli strappi sono presto coperti con tessuti cicatriziali, che sono meno flessibili della fascia stessa aggravando così il problema.

Sintomi:
Dolore alla base del calcagno. Il dolore è più severo la mattina al momento di alzarsi dal letto e all’inizio di una corsa. Il dolore può svanire quando si cammina o si cambia la velocità della corsa, nel tentativo di alleviare la sofferenza. Questo da’ soltanto sollievo temporaneo.

Cause:
1. Stress, tensione e stiramento della fascia plantare, muscoli del polpaccio inflessibili e tendine d’Achille teso mettono più stress sulla fascia plantare.
2. L’eccessiva pronazione (piede eccessivamente intraruotato nell’impatto al suolo).
3. Alti archi plantari e piedi rigidi.
4. Scarpe da corsa non adatte od usurate, e allenamento eccessivo.

Trattamento:
Auto-Trattamento:
Fermare gli allenamenti, specialmente nei casi in cui il dolore è forte, se il dolore è leggero ridurre i carichi d’allenamento e d’intensità.
Applicare ghiaccio alla fascia plantare per dieci minuti ogni due ore per ridurre l’infiammazione. Un modo efficace di applicarlo è riempire una bottiglia di plastica di 500ml con l’acqua e congelarla dopodiché rotolarla sotto il piede. Quando è possibile automassagiare la zona con un olio all’arnica e fare lo stretching dei muscoli gastrocnemius e soleus. Riprendere gli allenamenti della corsa gradualmente. In tutto per guarire necessitano dalle 6 alle 8 settimane. Consigliatevi comunque con un Osteopata qualificato.

Esercizi alternative:
Nuotare, spinning, fare del ciclismo usando dei rapporti bassi. Evitare qualsiasi esercizi che portano tensione alla fascia plantare.


Misure preventive:
Fare lo stretching dei muscoli gastrocnemius e soleus. Mantenere ogni allungamento per 30 secondi e poi rilasciare lentamente. Ripetere ogni stretching 2 – 3 volte al giorno e soprattutto ricordarsi de farlo per bene prima di correre. Sedersi per terra con il ginocchio e l’anca piegati verso di sé. Tirare le dita indietro verso la caviglia, tenere la trazione per trenta secondi e poi rilasciare lentamente. Ripetere su entrambe i piedi due o tre volte al giorno. Ricordarsi di fare stretching per bene prima di correre e di rinforzare i muscoli del piede.
Eseguire i seguenti esercizi per tenere in forma la fascia plantare:
• Camminare sul bordo esterno del piede.
• Afferrare delle biglie di vetro, adagiate per terra, con le dita dei piedi.
• Afferrare ed arrotolare un fazzoletto, adagiato per terra, con le dita dei piedi.
• Afferrare una matita con le dita dei piedi, e trattenendola tra esse, camminare sui talloni.
Indossare scarpe da corsa corrette e se necessario calzare ortottici per prevenire un’eccessiva pronazione.
Ricordare:
• Sempre applicare del ghiaccio dopo l’allenamento
• Aumentare gradualmente il programma d’allenamento
• Inserire le pause di riposo nel programma d’allenamento


Dott. Giovanni Turchetti DO ND
Membro della British Osteopathic Association (BOA)
Membro del Australian Osteopathic Association (AOA)
Membro del Deutscher Verband für Osteopathische Medizin (DVOM)
V.le Nervi 04100 LATINA - Tel. 347/3270604 339/6641830 - Email: info@osteopata.it

c/o studio "Lodispoto" - Via Eleonora Duse 22 00197 Roma Tel. 06/8074686 06/80690390
c/o "Simoncelli" - Piazza Santa Restituta 21 Sora FR Tel.0776/832100


AVVISO AI NAVIGANTI

Si invitato i gentili visitatori a diffidare da alcuni commenti ancor presenti su internet che ledono la dignità, il decoro professionale ed il prestigio del dott. Giovanni Turchetti e del suo staff. Verso il responsabile di tali ingiurie e diffamazioni si sono intraprese le più adeguate iniziative legali in Italia e all'estero. Teniamo altresì a precisare che l'autore di tali azioni non è, ne è mai stato un paziente del dott. Turchetti.
Per avere maggiori informazioni in merito alla vicenda è possibile scrivere a info@osteopata.it. Saremo ben lieti di poter dissipare nel visitatore tutti i dubbi eventualmente sorti navigando su siti poco "affidabili".


Copyright© 2004-2009. Tutti i diritti riservati. Informativa legale
Sito web progettato e realizzato da CreazioneSiti.it