Cerca:

 
   

  Pagina iniziale  

Chi siamo

Articoli

Approfondimenti

Glossario

Links

Contattaci

Mappa del sito

         In gravidanza

         Infanzia

         Sport

         Terza età

         Patologie

         Consigli quotidiani


Confronto tra i principi dell’ortodonzia classica e quella che prevede la collaborazione di un Osteopata
I trattamenti ortodontici hanno l’effetto drammatico sul normale funzionamento del volto, e possono avere ripercussioni sull’intero corpo. Enormi stress sono...

 

Storia dell'osteopatia
Omaggio al fondatore e mentore dell’Osteopatia, nostro continuo ispiratore nell’arte del curare.
Il 22 Giugno del 1874 Andrew Taylor Still...

 

Osteopatia e colpo della strega
Una delle situazioni acute, che più frequentemente si presentano all’osteopata, è il così detto “colpo della strega”, altro non è...

 


ANTIOSSIDANTI E PROBLEMI OSTEO-ARTICOLARI
I problemi osteo-articolari non hanno solamente un’origine biomeccanica, ossia un conflitto articolare e nel caso di protusioni o peggio di...

 

Radicali liberi
Nel 1956 Denham Barman creò la teoria dei radicali liberi, scorie prodotte dal catabolismo metabolico, secondo la quale con il...

 

Lo straordinario potere dei fitonutrienti
Il ruolo protettivo di frutta e verdura grazie ai loro fitonutrienti nella prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari...

 

 

 

Spondilolistesi Istmica (Vertebra Scivolata)

CHE COS'E'? QUALI TRATTAMENTI SONO DISPONIBILI?

Il rachide è costituito da una serie di ossa connesse chiamate “vertebre”. In circa 5% della popolazione adulta, c’è una rottura in fase di sviluppo in una delle vertebre, di solito nel punto dove la parte lombare della colonna vertebrale si unisce al tratto sacrale. Ciò può avvenire come una frattura da stress. Questa frattura di solito non si guarisce come un osso normale, a causa delle forze costanti che si esercitano nel tratto lombare. Questo tipo di frattura, chiamato spondilolisi, è semplicemente una rottura in una parte della vertebra (vedere figura 1) e può non causare alcun tipo di problema. Comunque, a volte la vertebra rotta scivola in avanti sulla vertebra di sotto. Questo processo è conosciuto come Spondilolistesi Istmica.



QUALI SONO I SINTOMI?

La spondilolistesi istmica all’inizio può non causare nessun sintomo per anni dopo che la vertebra rotta scivola. Se voi avete dei sintomi, essi includono dolore lombare e alle natiche; insensibilità, formicolio, rigidezza al muscolo e debolezza nella gamba (vedere articolo Osteopatia e Sciatalgia); aumento dell’oscillazione indietro; o la claudicazione. Questi sintomi di solito si aggravano quando la persona sta in piedi, camminando e in altre attività, mentre il riposo provvede ad un allevio momentaneo.

Alcuni studi hanno mostrato che da 5 a 10% dei pazienti che visitano un Ortopedico o uno Osteopata per un dolore lombare hanno o una spondilolisi o una spondilolistesi istmica. Comunque, visto che la spondilolistesi istmica non sempre è dolorosa, la presenza di una rottura (spondilolisi) e una vertebra scivolata (spondilolistesi) ai RX non significa che questa sia l’origine dei vostri sintomi.



COMO QUESTO PROBLEMA E' DIAGNOSTICATO?

Il vostro Osteopata inizierà la visita facendo un’anamnesi e in seguito un esame posturale, e potrà anche richiedere un RX del vostro rachide. Comunque, a volte è difficile vedere una rottura o una vertebra scivolata ai RX, allora saranno necessari degli esami addizionali tipo la TAC o la RMN utili per mostrare chiaramente le strutture del tessuto morbido del rachide (compresi i nervi e i dischi tra le vertebre) e la loro relazione con la vertebra rotta e una qualsiasi vertebra scivolata. Questo esame mostrerà anche se qualche disco vicino abbia sofferto a causa di una spondilolistesi (scivolamento).

Se c’è la spondilolistesi istmica, essa può essere graduata come I, II, III o IV livello (vedere figura 2), basata su quanto la vertebra sia scivolata in avanti.



QUALI TRATTAMENTI SONO DISPONIBILI?

Se il vostro Osteopata determina che la causa del dolore sia la spondilolistesi, innanzitutto egli vi consiglierà di provare dei trattamenti manipolativi e di mobilizzazione. Questi trattamenti possono includere un breve periodo di riposo ed altri trattamenti sinergetici all’arte Osteopatica, anti-infiammatori per ridurre il gonfiore etc. e della terapia della riabilitazione fatta con Ginnastica Posturale Osteopatica che comprende anche esercizi per migliorare la vostra forza e flessibilità, così da poter ritornare ad avere uno stile di vita più normale. Se vi viene richiesto un periodo di riposo, seguite le istruzioni del vostro Osteopata.

Il vostro Osteopata potrebbe anche – a volte con l’aiuto di una infermiera o una fisioterapista – iniziare un’educazione e una preparazione per svolgere le attività della vita quotidiana senza aggiungere stress sul vostro tratto lombare.



TRATTAMENTO NON CHIRURGICO

Quando voi cominciate un regime di trattamenti osteopatici e/o un programma di esercizi, il vostro Osteopata potrà prescrivervi delle terapie come l’ultrasuono, la stimolazione elettrica, l’impiastro caldo, l’impiastro freddo e delle terapie manuali addizionali differenziali per ridurre il vostro dolore e gli spasmi muscolari. Per primo, gli esercizi che voi imparerete possono essere degli stretching gentili o dei cambiamenti di postura per ridurre il mal di schiena o i sintomi alla gamba.

Quando il dolore diminuisce, saranno usate probabilmente esercizi aerobici più vigorosi (come la bicicletta statica o il nuoto) abbinati a esercizi di stretching e di forza per migliorare la flessibilità, forza e resistenza e riabilitarvi al ritorno ad uno stile di vita più normale. Lo sviluppo dei muscoli del vostro rachide e del vostro addome aiuterà a stabilizzare la vostra colonna vertebrale ed a sostenere il vostro corpo. L’istruzione degli esercizi dovrebbe cominciare subito ed dovrebbe essere modificata mentre il ricupero avanza. Un’importante parte del trattamento è anche imparare e fare continuamente degli esercizi e un programma di stretching come anche mantenere il proprio peso forma.

La presenza della “vertebra rotta” (spondilolisi) o della “vertebra scivolata” (spondilolistesi) per se stesse di solito non rappresentano una condizione pericolosa nell’adulto. Perciò, il trattamento mira ad alleviare il dolore ed a aumentare l’abilità di funzionamento del paziente. Sebbene nessun dei trattamenti non-chirurgici correggano la “rottura” o lo “scivolamento” loro possono comunque fornire un controllo permanente del dolore senza richiedere trattamenti più invasivi. Un programma completo può richiedere non meno di tre o più mesi di trattamenti supervisionati.



E SE IO AVESSI BISOGNO DELLA CHIRURGIA?

Premettiamo che il trattamento chirurgico è di esclusiva competenza del chirurgo ortopedico e non dell’ Osteopata.

La chirurgia è riservata per quella piccola percentuale di pazienti cui dolore non è stato alleviato da qualche metodo di trattamento non-chirurgico. Il dolore può essere causato da un nervo che pizzica, da un movimento della vertebra rotta instabile o dai dischi vicini che sono colpiti. Se un nervo spinale è compresso dallo “scivolamento” in avanti, potrà essere necessaria la chirurgia per riaprire il “tunnel”, o spazio, al nervo.

Potrà anche essere raccomandato in più un metodo di stabilizzazione o di fusione, per alleviare la pressione su di un nervo intorno alla rottura o allo “scivolamento”. Questa procedura impedirà ulteriori “scivolamenti” della vertebra ed inoltre preverrà che la pressione ricorrente del nervo si sviluppi in questo lato. Occasionalmente, la “rottura” della vertebra potrà essere riparata mettendo un innesto d’osso dalla pelvi accanto alla “rottura”.

Potrà essere realizzata una fusione dal davanti (approccio anteriore) o dall’indietro (approccio posteriore). Entrambi gli approcci richiedono una disposizione dell’innesto d’osso o del sostituto dell’innesto d’osso e/o di strumentazione tra la vertebre che devono essere fuse. La scelta dell’approccio per la fusione (davanti, indietro) è influenzata da molti fattori tecnici, inclusi la necessità di rimozione dello sperone, la localizzazione degli speroni, la variazione anatomica tra i pazienti e l’esperienza del vostro chirurgo ortopedico.

La percentuale di buon esito della chirurgia da fusione per l’allevio della spondilolistesi istmica è sopra il 75%. Dopo la chirurgia, voi dovete rimanere in ospedale per alcuni giorni, e la maggior parte dei pazienti è capace di rientrare pienamente al lavoro entro 6-9 mesi. E’ consigliato un Programma Riabilitativo Osteopatico post operatorio accurato per aiutarvi a riprendere al meglio le vostre attività quotidiane.



SPONDILOLISI E SPONDILOLISTESI

Descrizione

Le cause più comuni di dolore lombare, identificate dal RX in atleti adolescenti, è una frattura da stress in uno delle ossa (vertebre) che formano la colonna vertebrale. Tecnicamente, questa condizione è chiamata spondilolisi e di solito colpisce la quinta vertebra lombare, e molto meno comune, la quarta vertebra lombare.

Se invece la frattura da stress indebolisce l’osso, così tanto da diventare incapace di mantenere una posizione adeguata, la vertebra può cominciare a spostarsi dalla sua sede anatomica. Questa condizione è chiamata spondilolistesi. Se uno “scivolamento” è eccessivo le vertebre possono cominciare a premere sui nervi e al limite, solo allora, potrà essere necessaria la chirurgia per correggere tale condizione.



FATTORI RISCHIO E PREVENZIONE

Genetica: la spondilolisi può avere un aspetto ereditario. Un individuo può essere nato con un osso vertebrale stretto e perciò essere vulnerabile a questa condizione; anche periodi significativi di crescita rapida possono predisporre lo “scivolamento”.

Usura: alcuni sport, tali come la ginnastica, il sollevamento di pesi e il calcio, mettono una grande parte dello stress sulle vertebre lombari. Questi sport anche richiedono all’ atleta iperestensione costante della colonna vertebrale. In entrambi i casi, il risultato è una frattura da stress in uno o ambedue i lati della vertebra.



SINTOMI

- In molte persone, la spondilolisi o la spondilolistesi sono presenti, ma senza alcun sintomo evidente.
- Il dolore di solito si estende lungo la parte inferiore della colonna vertebrale, e può essere sentito come un muscolo teso.
- La spondilolistesi può causare spasmi che irrigidiscono il rachide e mettono in tensione il muscolo hamstring, risultando in cambiamenti di postura e di andatura. Se la “scivolamento” è significante, essa può cominciare a comprimere i nervi e stringere il canale spinale.



TEST DI DIAGNOSI

RX della spina lombare metteranno in evidenza la posizione della vertebra.

I pari intrarticolari sono una porzione della spina lombare che collegano la parte superiore e quella inferiore delle articolazioni. I pari sono normali in gran parte dei bambini.












Se i pari si “rompono” o si “fratturano”, la condizione si chiama spondilolisi. Il RX conferma l’anormalità ossea.








Se la breccia della frattura dei pari si allarga, allora la condizione si chiama spondilolistesi. L’allargamento della breccia porta allo spostamento in avanti della quinta vertebra lombare, verso la parte dell’osso pelvico chiamato sacro. L’Osteopata misura i RX della spina laterale verticale, il che determina la quantità di scivolamento in avanti.

Dott. Giovanni Turchetti DO ND
Membro della British Osteopathic Association (BOA)
Membro del Australian Osteopathic Association (AOA)
Membro del Deutscher Verband für Osteopathische Medizin (DVOM)
V.le Nervi 04100 LATINA - Tel. 347/3270604 339/6641830 - Email: info@osteopata.it

c/o studio "Lodispoto" - Via Eleonora Duse 22 00197 Roma Tel. 06/8074686 06/80690390
c/o "Simoncelli" - Piazza Santa Restituta 21 Sora FR Tel.0776/832100


AVVISO AI NAVIGANTI

Si invitato i gentili visitatori a diffidare da alcuni commenti ancor presenti su internet che ledono la dignità, il decoro professionale ed il prestigio del dott. Giovanni Turchetti e del suo staff. Verso il responsabile di tali ingiurie e diffamazioni si sono intraprese le più adeguate iniziative legali in Italia e all'estero. Teniamo altresì a precisare che l'autore di tali azioni non è, ne è mai stato un paziente del dott. Turchetti.
Per avere maggiori informazioni in merito alla vicenda è possibile scrivere a info@osteopata.it. Saremo ben lieti di poter dissipare nel visitatore tutti i dubbi eventualmente sorti navigando su siti poco "affidabili".


Copyright© 2004-2009. Tutti i diritti riservati. Informativa legale
Sito web progettato e realizzato da CreazioneSiti.it