Cerca:

 
   

  Pagina iniziale  

Chi siamo

Articoli

Approfondimenti

Glossario

Links

Contattaci

Mappa del sito

         In gravidanza

         Infanzia

         Sport

         Terza età

         Patologie

         Consigli quotidiani


Storia dell'osteopatia
Omaggio al fondatore e mentore dell’Osteopatia, nostro continuo ispiratore nell’arte del curare.
Il 22 Giugno del 1874 Andrew Taylor Still...

 

Confronto tra i principi dell’ortodonzia classica e quella che prevede la collaborazione di un Osteopata
I trattamenti ortodontici hanno l’effetto drammatico sul normale funzionamento del volto, e possono avere ripercussioni sull’intero corpo. Enormi stress sono...

 

Emicrania
Si manifesta quando ad intervalli duole un lato o l’altro della testa, e spesso è associata con nausea e vomito,...

 


ANTIOSSIDANTI E PROBLEMI OSTEO-ARTICOLARI
I problemi osteo-articolari non hanno solamente un’origine biomeccanica, ossia un conflitto articolare e nel caso di protusioni o peggio di...

 

Radicali liberi
Nel 1956 Denham Barman creò la teoria dei radicali liberi, scorie prodotte dal catabolismo metabolico, secondo la quale con il...

 

Lo straordinario potere dei fitonutrienti
Il ruolo protettivo di frutta e verdura grazie ai loro fitonutrienti nella prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari...

 

 

 

Vertigine e Disturbi dell'Equilibrio

APPROCCIO OSTEOPATICO ALLA VERTIGINE

I principi e le pratiche Osteopatiche forniscono soluzioni ai disturbi da vertigine ai quali i medici allopatici non sono stati in grado di risolvere.

La Vertigine è uno dei disturbi più comuni che si presenta allo studio di un medico di primo-soccorso. Questo disturbo è particolarmente attivo tra la popolazione in età geriatrica. La vertigine nella vecchiaia può essere debilitante e può portare a disturbi dell’andatura, squilibrio e diminuzione della mobilità.

La vertigine dovrebbe essere distinta dal capogiro. Mentre il capogiro è di solito relazionato a un’origine metabolica o perfino cardiaca, la vertigine è un problema dell’otoiatria o neurologico.

La diagnosi differenziale della vertigine è alquanto ampia e può comprendere anormalità psicologiche così come strutturali. La labirintite virale e la neurite vestibolare sono cause comuni della vertigine.

La differenziale può anche includere la malattia di Meniere, vertigine posizionale benigna, emicrania, sclerosi multipla e neuroma acustico. Inoltre, le lesioni osteopatiche del tratto cervicale contribuiscono alle cause della vertigine.

La popolazione anziana, a causa dell’alta incidenza di lesioni cervicali, è soggetta alla vertigine cervicale. Bracher e colleghi affermano che “Il termine vertigine cervicale è stato introdotto nel 1955 da Ryan e Cope ed è diventato, dopo la cupulolitiasi, la causa di vertigine più comunemente diagnosticata.



VALUTAZIONE

La valutazione della vertigine dovrebbe includere un’anamnesi generale e l’esame fisico. Un’anamnesi pertinente includerebbe la durata, il periodo di manifestazione ed i fattori precipitanti, tali come un cambiamento della posizione, perdita dell’udito, disturbo dell’andatura e cambiamenti neurologici unilaterali dovrebbero richiamare l’attenzione durante l’anamnesi.

Esami di laboratorio basici che comprendano una serie da elettrolito, glucosio, lipidi e tiroide sono importanti per differenziare il capogiro dalla vertigine. L’esame fisico dovrebbe includere un esame neurologico completo così come una valutazione Osteopatica del tratto cervicale. Ulteriori esami possono includere un audiogramma e un elettronistagmogramma; RMN o TAC sono utili alla diagnosi dei neuromi acustici.


E’ importante notare che la vertigine nella vecchiaia può essere relazionata a una disfunzione vestibolare o come un risultato di una medicazione. Una valutazione attenta della medicazione del paziente è vitale durante l’anamnesi.

La valutazione del tratto cervicale dovrebbe comprendere test attivi come passivi. Con il paziente in posizione seduta, bisogna lasciarlo muovere attivamente nei movimenti, quindi valutare tutti i campi di movimento includendo la rotazione, flessione, estensione e piegamento laterale. Bisogna prestare attenzione a qualsiasi sbadataggine o stordimento viene prodotto dal movimento.

In seguito si valuteranno i muscoli del collo, lo sternocleidomastoidei, gli scaleni e il trapezio, annotando i cambiamenti dei tessuti, tender point e asimmetrie. La stessa procedura di analisi verrà applicata durante di movimento passivo negli stessi campi.

Importante è palpare la posizione dell’occipite così come la traslazione laterale dell’atlante ed esaminare le eventuali restrizioni della rotazione dell’atlante. Per poi valutare più in basso il rimanente tratto cervicale palpando, le vertebre cervicali inferiori, valutando la loro flessione ed estensione così come la traslazione laterale e la rotazione.



TRATTAMENTO

Il trattamento della vertigine dovrebbe essere direzionato alla causa. Esistono pochi trattamenti efficaci per la vertigine posizionale benigna. L’abituarsi ad esercizi che ricreano i sintomi tendono a diminuire la vertigine, ma spesso non sono tollerati nella vecchiaia. La labirintite acuta è spesso trattata farmacologicamente.

Comunque, queste assunzioni di farmaci possono causare eccesso di secchezza delle fauci e sonnolenza, in special modo nella vecchiaia. Il trattamento della malattia di Meniere include restrizioni di sodio, diuretici e occasionalmente ansiolitici.

Il trattamento della vertigine cervicale è direzionata verso la correzione della lesione osteopatica. Possono essere applicate tecniche dirette come indirette per ridurre la restrizione. Comunque, i metodi di alta velocità e bassa ampiezza nel tratto cervicale in pazienti anziani non sono raccomandati.

Le tecniche di energia muscolare e dei tessuti soffici sono alquanto utili per ridurre lo spasmo dei muscoli dello sternocleidomastoideo, degli scaleni, paracervicali e del trapezio. La tecnica di counterstrain e il rilascio legamentoso articolare possono fornire una riduzione eccellente e tollerabile della restrizione delle vertebre cervicali.

Comunque, la manipolazione più utile e efficace della vertigine cervicale è una combinazione di varie modalità, inclusa l’abilità del paziente di collaborare.



STUDIO DI UN CASO

Una donna di 70 anni è stata ammessa in ospedale con una manifestazione repentina di vertigine vorticosa, accompagnata da nausea e vomito, dichiarando di non provare alcun dolore toracico o debolezza unilaterale. Tutti gli esami di laboratorio iniziali erano normali. La paziente è stata trattata e inviata a casa con una cura farmacologia.

Dopo pochi giorni è ritornata in ospedale per episodi continui di vertigine. Di nuovo, non c’erano segni neurologici di lateralizzazione unilaterale, e il suo esame fisico non ha rivelato nessuna anormalità.

Sono stati effettuati un esame TAC della testa e un Doppler della carotide. Entrambi erano dentro i limiti normali. L’ RX del tratto cervicale ha dimostrato un aumento della lordosi cervicale. La paziente è rientrata in ospedale per una ulteriore valutazione; un test di tolleranza a glucosio realizzato un’ora dopo il pranzo ha rivelato una mite elevazione dello zucchero sanguigno.

La paziente ha iniziato una dieta con basso apporto di zuccheri, le è stato dato un glucometro per controllare gli zuccheri del sangue giornalmente. In seguito, è stata sottoposta ad una valutazione neurologica, ed è stata diagnosticata, in quel periodo, una insufficienza vertebrale-basilare.

Terminati questi esami clinici la paziente si è presentata presso il nostro studio, è abbiamo rilevato tramite la prima visita osteopatica una disfunzione somatica delle vertebre C1-2 e T1-2. Quindi abbiamo iniziato i Trattamenti Manipolativi Osteopatici settimanalmente per due mesi. Consistevano in: Rilascio Articolare Legamentoso con tecniche Strain e Counterstrain alle vertebre cervicali superiori e toraciche e le strutture del tessuto morbido ad esse relazionate. Entro due settimane, la paziente ha dimostrato un miglioramento significativo e ha migliorato progressivamente, sottoponendosi alla routine di manipolazione di mantenimento presso il nostro studio.



DISCUSSIONE

La vertigine cervicale è una sofferenza comune ma facilmente trattabile della popolazione geriatrica. Ci sono stati parecchi meccanismi plausibili per spiegare la fisiopatologia della vertigine cervicale, tra i quali il più accreditato è l’alterazione del flusso sanguigno dovuto alla compressione vertebrale basilare causata da lesioni della cervicale superiore.

Licht e colleghi sono stati i primi a studiare il flusso vertebrale in rapporto alla manipolazione del rachide, e hanno concluso che non c’erano cambiamenti significativi nel vertice della velocità del flusso dell’arteria vertebrale prima e dopo la manipolazione cervicale. La vertigine cervicale, molto probabilmente, può sorgere dai cambiamenti del sistema propricettivo e della disfunzione simpatica del tratto cervicale.

Bracher e colleghi hanno rilevato due meccanismi diversi per considerare questi cambiamenti: “l’alterazione temporanea della microcircolazione labirintica causata dalla disfunzione simpatica e dalla disfunzione vestibolare del tronco encefalico, dovuta all’eccitazione afferente anormale dei propricettori cervicali.”

Sembra che questo meccanismo si adatti bene alle scoperte cliniche che la vertigine può essere provocata dai cambiamenti della posizione cervicale. Ciò coincide con il lamentare di vertigine o capogiro quando un paziente estende il suo collo mentre guarda in alto.

Il trattamento della vertigine negli anziani alcune volte può essere anche difficile. Patologie multiple e l’assunzione di vari farmaci possono aggiungersi al problema creando difficoltà per una corretta diagnosi e trattamento. In aggiunta, alcuni medicamenti per il trattamento della vertigine possono aumentare gli effetti collaterali tipo secchezza delle fauci e sonnolenza.

Trattare pazienti anziani con vertigine utilizzando manipolazioni può diminuire la serietà dei loro sintomi senza aggiungere altro al loro regime farmacologico. Il Dr. Harold Schildberg notò in suo editoriale del 1955 che era la sua speranza che ogni Osteopata DO “guardasse sempre l’area cervicale media nel trattare pazienti con vertigine e capogiri.”



VERTIGINE OTOLOGICA

La vertigine è un problema comune nella popolazione anziana. In paragone alle persone più giovani, la vertigine negli anziani è più persistente, ha più cause, è meno probabile che sia causato da un problema psicologico ed è più incapacitante (Davis L, 1994). Le due fonti principali della vertigine in persone anziane sono l’orecchio (vestibolare periferico) e il cervello. Le cause della vertigine possono essere divise in cinque categorie principali: 1) otologico; 2) centrale; 3) medico; 4) psicogenico; e 5) non localizzato.



VERTIGINE PAROSSISTICA POSIZIONALE BENIGNA (VPPB)


Ipotesi corrente che riguarda la patogenesi di VPPB (Vertigine Parossistica Posizionale Benigna)

I detriti otoconiali rimossi dall’otricolo si spostano al fondo del canale semicircolare posteriore. Le manovre di trattamento trasferiscono i detriti da questa posizione di nuovo all’area dell’otricolo (il vestibolo). Le cellule scure in tal modo possono sciogliere i detriti otoconiali. Per realizzare le manovre di Brandt-Daroff, si impiegano trenta secondi in ognuna delle posizioni presentate. Cinque ripetizioni di questi esercizi dovrebbero essere eseguite ogni mattina e ogni sera per tre settimane.


Più della metà dei pazienti con vertigine di causa periferica soffrono di VPPB. Il disturbo risulta dagli effetti di piccoli cristalli (otolite o canalite) che si sono rimossi e hanno migrato dalla loro posizione normale nell’otricolo al canale semicircolare, dove provocano sensazioni intense, in sviluppo, di movimento seguito da cambiamenti della posiziona della testa. Teoretico appena proposto, questo meccanismo di azione è oggi ampiamente accettato; è stata dimostrata l’esistenza di questi cristalli nel canale semicircolare dei pazienti colpiti e l’efficacia delle strategie di trattamento che mirano alla manipolazione dell’otolite, il quale viene spostato nuovamente verso l’otricolo.

I pazienti con VPPB riferiscono una manifestazione improvvisa della vertigine associata a movimenti specifici della testa, tali come uno rotolarsi sul letto, inchinarsi sopra o guardare in alto verso uno scaffale alto. Questo tipo di vertigine è breve, di solito dura meno di un minuto, ma ricorrerà tipicamente ogni volta che il movimento che la provoca viene ripetuto. Inoltre, non ci sono sintomi auditivi associati, tali come diminuzione dell’udito o tinnito.

La diagnosi di VPPB è confermata tramite la manovra test Dix-Hallpike. In questa manovra, il paziente è abbassato da una posizione seduta a una distesa, con la testa girata a 45 gradi rispetto alle spalle. Questo movimento si ripete con la testa girata dall’altra parte. Ciò dovrebbe sicuramente provocare vertigine e nistagmo quando l’orecchio sofferente è direzionato verso il basso.

Dott. Giovanni Turchetti DO ND
Membro della British Osteopathic Association (BOA)
Membro del Australian Osteopathic Association (AOA)
Membro del Deutscher Verband für Osteopathische Medizin (DVOM)
V.le Nervi 04100 LATINA - Tel. 347/3270604 339/6641830 - Email: info@osteopata.it

c/o studio "Lodispoto" - Via Eleonora Duse 22 00197 Roma Tel. 06/8074686 06/80690390
c/o "Simoncelli" - Piazza Santa Restituta 21 Sora FR Tel.0776/832100


AVVISO AI NAVIGANTI

Si invitato i gentili visitatori a diffidare da alcuni commenti ancor presenti su internet che ledono la dignità, il decoro professionale ed il prestigio del dott. Giovanni Turchetti e del suo staff. Verso il responsabile di tali ingiurie e diffamazioni si sono intraprese le più adeguate iniziative legali in Italia e all'estero. Teniamo altresì a precisare che l'autore di tali azioni non è, ne è mai stato un paziente del dott. Turchetti.
Per avere maggiori informazioni in merito alla vicenda è possibile scrivere a info@osteopata.it. Saremo ben lieti di poter dissipare nel visitatore tutti i dubbi eventualmente sorti navigando su siti poco "affidabili".


Copyright© 2004-2009. Tutti i diritti riservati. Informativa legale
Sito web progettato e realizzato da CreazioneSiti.it